Fondazione Passaré | Andrea Marinelli_DIGITAL Nkisi feat. Fond. Passaré
Arte moderna, arte africana, maschere, arte primaria, collezione, milano,
21308
single,single-post,postid-21308,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-2.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive
 

Andrea Marinelli_DIGITAL Nkisi feat. Fond. Passaré

InvitoMostra_Andrea-Marinelli_Dnkisi

Andrea Marinelli_DIGITAL Nkisi feat. Fond. Passaré

Libreria Menabò Milano di Nuti Davide Maria e Fondazione PassaréPRESENTANO:

Andrea Marinelli_DIGITAL Nkisi
Mostra fotografica che integra le maschere africane della collezione Passaré (MUDEC Milano) e foto fatte a schermi TV.

https://vimeo.com/187080861

Andrea Marinelli miscela con fluidità pezzi etnografici e materie digitali. Un lavoro fotografico sulle maschere africane della Fondazione PASSARE’, alcune di queste in esposizione al MUDEC – Museo delle Culture. Una ricerca sulla profondità spirituale della rappresentazione africana che incontra in modo fluido la cultura digitale, il cinema, gli schermi, il divismo, i nuovi media. Una filmografia d’eccellenza tra Antonioni, Dino Risi, Monicelli, Scorsese viene qui esplorata in una dimensione di fotogrammi, di pixels, di materia digitale. La grana che ne deriva è indefinita, luminosa e ricettiva, abbastanza scultorea da accogliere le maschere BAMBARA, SALAMPASU, BAMILEKE etc.

Andrea Marinelli performer, musicista e visual artist parte proprio dalla dimensione performativa all’interno del suo lavoro SECRETSHOW dove le immagini sono composte al momento usando stampe su lucido e lavagna luminosa.
La performance SECRETSHOW Digital Nkisi è stata parte del Sonoritiesfestival di Belfast, UK per la Queen’s University Belfast.

“Il mio lavoro è un’osmosi continua tra visual art, performance, musica, fotografia.
Prima di tutto come musicista mi sono interessato all’integrazione tra processi digitali e grane e tessiture analogiche. In questo flusso si sviluppa il mio approccio alla fotografia che miscela soggetti da culture etnografiche e foto fatte a schermi digitali.”